18 PROCESSI CREATIVI

index dove e quando azione contesto soggetti coinvolti documenti prodotti immagini

contesto

L’esposizione è la prima ricognizione di quelle pratiche artistiche - al di fuori dei circuiti delle gallerie - che privilegiano la sfera sociale e scelgono come modalità di lavoro quella del dialogo e della collaborazione: la mostra documenta alcune esperienze italiane dell’ultimo decennio.

Il quadro di senso accoglie bene la pratica della community based - public art con la quale operiamo, che si basa sulla lettura del contesto considerato e sulla partnership con i soggetti sociali locali. Le pratiche di relazione e comunicazione messe in atto mostrano la potenzialità dell’arte di offrire una visione alternativa alla contingenza, offrendosi come processo creativo collettivo che accompagna nella rivisitazione e ri-definizione del rapporto con il potenziale inespresso in termini di luogo, beni, partnerships possibili, espressione individuale, conoscenza e consapevolezza collettiva.

In questi anni artway of thinking (Stefania Mantovani e Federica Thiene) ha creato e coordinato progetti in ambito artistico - culturale, rurale ed urbano, sociale e formativo, secondo la pratica della community based - public art; senza difendere la neutralità ed autonomia dell’arte dal contesto sociale, senza avallarlo automaticamente, ma creando interazione tra contesto e creatività.
[alleghiamo curriculum]

Per questa iniziativa alla Fondazione Pistoletto ci è chiesto di parlare in particolare del processo creativo collettivo che sottende i nostri interventi artistici: accettiamo volentieri – vista la cornice di senso offerta - allargando però il discorso ai processi collettivi messi in opera in ambiti differenti (economia, politica, produzione, educazione, ecc.) e che noi crediamo fermamente avere la stessa matrice creativa.


Giovedì 9 Giugno 2005